Il giorno nasce piano (Adriano Modica)

Una riflessione surreale ed ironica sul tempo e sull’uso maldestro che troppo spesso ne facciamo quando ci affanniamo ad arrivare a destinazione senza però godere del viaggio, riflessione che gioca con l’affascinante principio quantistico per il quale il tempo scorre diversamente a seconda delle condizioni e che porta a delle conclusioni grottesche: un albero cresce e muore senza darci il tempo di raccogliere i frutti; la giovinezza distratta vola via in un attimo; facciamo delle corse furibonde verso l’amore ma arriviamo inutilmente trafelati e in anticipo all’appuntamento e “tu non arrivi mai”.

C’è anche un duello insolito col Dio Chronos in cui Modica gioca la carta della lentezza e della pazienza; ad affiancarlo in questa lotta c’è Superman in una veste in cui non l’abbiamo mai visto, quella dell’eroe che si ridimensiona e impara ad andare piano, a non avere fretta e ad aspettare.

Cosa succede se andiamo troppo veloce?
Cosa succede se arriviamo troppo presto?
Che panorama abbiamo goduto?
Che odori?
Che sapori?
Che colori?
Che fantasie abbiamo fatto?
Cosa avremo da ricordare?
Cosa avremo da raccontare?
Con quale fiato?

Se arriviamo presto
succede che tu non arrivi mai.

Video:
  • regia e montaggio: Adriano Modica
  • riprese: Luporini
  • assistente di scena: Gabriele Alecci
  • Location: Ispica
  • Grazie a: Laura Bruno, Corrado Rizzone, Atom Heart Studio, Giovanna Catalano, Antonella Allegretti, Dina Laganà, Domenico Pizzimenti, Tiziana Barillà, Marco Meduri, Giuseppe Floridia, Elisa Floridia e Francesca Muriana Triberio, Elena Pisana, Angela Agosta, Salvatore Pisana e Ylaria Fichera Cannizzaro, Gabriele Alecci, Antonio Alecci. Gli amici della Società Operaia di Mutuo Soccorso “G.Garibaldi” di Ispica che hanno ceduto volentieri la loro preziosa panchina. Marco Ruffino per la gentile collaborazione.
Cast (in ordine di apparizione):
  • Elena Pisana nel ruolo della bimba
  • Angela Agosta nel ruolo della donna anziana
  • Giuseppe Floridia nel ruolo di Garibaldi
Segui Adriano Modica su:
Testo – Il giorno nasce piano (A. Modica)

Dove corri Superman?
Statti calmo
È inutile andare di fretta
Il giorno nasce piano

L’albero lui invece no
Lui è un vero supereroe
Il fiore nasce piano
Il fiore si apre piano

L’orologio della piazza dorme ancora
Garibaldi è li da un’ora e tu dove sei?
Dove sei?

L’ha detto la voce alle radio e tv
Passerà un anno tra un’ora
Ma quanto dura un’ora?
Quanti anni dura un’ora?

Ho piegato di nascosto l’orologio
Ho barato con il calendario elastico
Ma che fatica
Che fatica

Garibaldi nella piazza pure lui
Ti aspettava, si, ma ora è di marmo
Io invece no, ti aspetterò
Magari è questione di poco
Ma tanto
Cosa importa?